DOMANI LA TORRES, MISTER ROSSITTO: “CARICHI E IN SALUTE, SIAMO PRONTI”

Dopo la pausa forzata di sette giorni fa (match con la Giana rinviato per neve), il Pordenone torna in campo domani alle 12.30. Al “Bottecchia” i ramarri affrontano la Torres. «Un avversario di qualità, che sta ottenendo ottimi risultati. Ma anche noi stiamo bene, siamo carichi e nell’ultimo periodo abbiamo raccolto meno di quanto meritato», esordisce mister Fabio Rossitto nella conferenza della vigilia. Rossitto che traccia quindi la via ai suoi: «Ci vogliono coraggio, aggressività e carattere. Sento una grande energia positiva attorno: nella società, che tanto fa per noi, come nei tifosi, sempre vicini».

Tornando alla Torres, il tecnico neroverde la giudica così: «Gioca un calcio molto offensivo, ha un allenatore bravo come Bucchi, che conosco bene. In settimana abbiamo studiato attentamente le ultime partite». Parole dolci per l’ex Barbuti, che a sua volta nei giorni scorsi si era espresso positivamente sulla pur breve esperienza a Pordenone (da luglio a gennaio): «Qui stava bene, l’ha detto lui stesso, la società l’ha recuperato da alcuni problemi fisici. Ha grandi doti, ma spero proprio che al “Bottecchia” le mostri il meno possibile. Farà una carriera importante».

La sosta forzata non è un problema: «I 15 giorni di pausa ci sono serviti per lavorare, migliorare e recuperare qualche acciaccato», assicura Rossitto. Con la Torres inizia un tour de force: 3 gare in 7 giorni (mercoledì recupero con la Giana, sabato a Cremona). L’allenatore focalizza l’attenzione sul presente: «Sarà importante avere continuità di rendimento, ma ora conta solo la Torres».