GRAN PORDENONE AL MEMORIAL GALLINI, A UN RIGORE DALLA TOP 8. MIGLIOR DIFESA, 4 GOL PER BOMBER COMISSO

Ottimo percorso dei Giovanissimi nazionali del Pordenone al memorial internazionale Franco Gallini. I neroverdi di mister Bezerra hanno vinto il proprio girone di qualificazione (successi su Venezia ed Helsinki, ko indolore con il Bravo Lubiana), venendo poi eliminati dalla corsa al titolo dal Montenegro ai calci di rigore (4-5, dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari). Nelle sfide per definire la graduatoria 9.-15. posto doppia affermazione per 1-0: sugli slovacchi dello Zilina, che avevano primeggiato nel loro girone, e sul Venezia. Nella classifica finale il Pordenone si è così piazzato al decimo posto (su 32 formazioni), miglior risultato della squadra in anni di partecipazioni al torneo Gallini.

Difesa neroverde al top: un solo gol subito in 6 gare dai portieri Meneghetti e Baldi (solo Dinamo Zagabria e Liventina hanno avuto uno score simile). In attacco sugli scudi bomber Comisso, autore di 4 gol. Il Pordenone era privo di quattro importanti giocatori: capitan Lovisa, Mehni, Nardini e Pignata. Ottime le prestazioni dei tre prestiti: Mior, Bevilacqua e Bertoli.

«Siamo orgogliosi della squadra, che ha fornito prestazioni davvero positive. Peccato per la sconfitta ai rigori negli ottavi di finale – commenta il presidente Mauro Lovisa -. Il gruppo sta dimostrando una crescita costante, che passa anche da confronti con importanti squadre straniere, e ha un bel futuro davanti. Bravi tutti».

Girone di qualificazione

Pordenone-Venezia 3-0 (Mior, Comisso 2)
Helsinki-Pordenone 0-1 (Comisso)
Bravo Lubiana-Pordenone 1-0

Classifica: Pordenone, Venezia 6, Bravo Lubiana 4, Helsinki 1.

Ottavi di finale

Pordenone-Montenegro 5-4 d.c.r. (0-0)

Gare posti 9-15

Zilina-Pordenone 0-1 (Comisso)
Pordenone-Venezia 1-0 (Bevilacqua)